Bruxismo: Cause e Rimedi del digrignare i denti | Studio Dentistico Dott. Claudio Bruni
  • Che cos’è il Bruxismo?

Il bruxismo è letteralmente “digrignamento dei denti” ed è associato allo stringere i denti e sfregare i denti delle acrate superiore e inferiore. E’ un’azione involontaria, che si presenta più spesso di notte, durante il sonno (bruxismo notturno) ed è causato da contrazioni anomale dei muscoli della masticazione. In alcuni casi il bruxismo può verificarsi anche di giorno (bruxismo diurno) spesso durante attività sportive di vario genere e può causare dolore alla mandibola e importanti conseguenze in ambito orale e dentale.

Bruxismo Cause

Non esiste una causa specifica associata in modo inequivocabile all’insorgenza del bruxismo, anche se sono state individuate varie cause che portano molti soggetti a digrignare i denti durante la fase REM del sonno. In particolare le cause del bruxismo sono relative sia alla psicologia che alla fisiologia della persona. Alcune cause del bruxismo sono:

  • Difetti di occlusione dentale (malocclusione)
  • Disturbi del sonno e insonnia
  • Apnee Notturne
  • Difetti di postura
  • Assunzione di psicofarmaci
  • Iposalivazione
  • In caso di bruxismo nei bambini: dentizione e crescita della mandibola

Per quanto riguarda l’insorgenza del bruxismo in caso di disturbi del sonno, è stato dimostrato che “l’odontoiatra svolge un ruolo fondamentale nell’identificare le problematiche in seno al cavo orale legate al sonno, riferendo eventualmente, il paziente a rami specialistici. La sindrome dell’apnea ostruttiva del sonno (o apnea notturna) e il bruxismo notturno prevedono la possibilità di dispositivi intraorali (bite) nella gestione clinica”, questo significa che il dolore oro-facciale può essere alleviato dall’odontoiatra che riconosca la potenziale associazione tra dolore mandibolare e disturbi del sonno, così come quella tra bruxismo notturno e assunzione dei più comuni farmaci legati alla gestione dell’insonnia.

Il bruxismo può essere causato anche da cause psicologiche che portano al digrignamento dei denti, come:

  • Ansia
  • Stress
  • Rabbia repressa
  • Tensione emotiva

Bruxismo Sintomi

I sintomi legati al bruxismo sono principalmente legati a dolori a mascella e mandibola, che possono anche portare alla difficoltà di aprire e chiudere la bocca. I dolori possono estendersi anche alla cervicale, alla testa e alle orecchie, oltre che comportare difficoltà di deglutizione.

Quali conseguenze comporta il Bruxismo?

Le conseguenze del digrignare e sfregare i denti sono molte e possono alla lunga provocare seri danni ai denti, alla mandibola e all’articolazione temporo-mandibolare. Ovviamente la conseguenza principale è l’usura dei denti, che comporta erosione dentale e limatura dello smalto. L’affaticamento muscolare continuo, però, può provocare danni anche all’articolazione temporo mandibolare e ai muscoli della masticazione, comportando nei casi più gravi anche danni all’osso alveolare e scollamento delle gengive.

Bruxismo: Cause e Rimedi del digrignare i denti

Bruxismo rimedi

Il modo migliore per combattere il bruxismo notturno ed evitare le conseguenze più serie è quello di chiedere consulto al proprio dentista, che individuerà il bite per bruxismo migliore per le esigenze del singolo paziente.

Che cos’è il bite?

Il bite per il bruxismo è una semplice mascherina da porre sulle due arcate dentali, che consente di proteggere i denti dallo sfregamento e stabilizzare l’articolazione, in modo da alleggerire la tensione provocata dal digrignare i denti. Ogni bite è diverso! Per questo è necessario rivolgersi ad un professionista che, dopo aver preso le corrette impronte dentali del paziente, potrà realizzare un bite adatto ad ogni paziente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *